L'INNOVAZIONE COME FATTORE DI SVILUPPO

L'INNOVAZIONE COME FATTORE DI SVILUPPO

Sapete come sono nati i post-it che non facciamo mai mancare sulla scrivania del nostro ufficio?

Lo scienziato della 3M, Dr. Spencer Silver, mentre effettuava le sue ricerche di laboratorio su nuove colle adesive forti e resistenti, si è trovato tra le mani un adesivo leggero che – (s)fortunatamente – non poteva soddisfare le sue esigenze del momento, ma nonostante ciò non rinunciò a trovare un possibile utilizzo alternativo della sua invenzione.

L’idea geniale arrivò quattro anni più tardi, quando un suo collega scienziato, Arthur Fry, che si occupava delle ricerche nell’azienda 3M e nel tempo libero cantava nel coro di una chiesa, durante una delle sue esibizioni trovò il perfetto utilizzo di quei foglietti non abbastanza appiccicosi per soddisfare le esigenze di quattro anni prima, ma che adesso gli sarebbero stati davvero utili per poter essere attaccati e staccati a piacimento sulle superfici lisci dei suoi brani musicali.

Ebbene sì, quindi, i post-it sono nati proprio da un errore.

L’#innovazione è, quindi, un meccanismo che scaturisce dalla creatività e apre la mente a nuove idee fino a quel momento sconosciute. Come abbiamo visto, il processo di #innovazione non avviene quasi mai per processi lineari, ma molto più spesso scaturisce da momenti di discontinuità, in inglese si parla di #serendipity: si parte dal dover trovare una soluzione per un problema specifico, ma si arriva a risolverne uno diverso, come nell’esempio della scoperta dei Post-It.

I #vantaggi delle piccole-medie imprese nel processo di #innovazione

L’#innovazione non deve, però, essere vista come una dimensione esclusiva delle grandi imprese o una particolarità delle aziende che operano nei settori high-tech, tutt’altro. Innovare è un sentiero decisivo e assolutamente percorribile anche per le piccole-medie imprese e per quelle che operano in mercati tradizionali.

L’#innovazione è, infatti, una delle leve fondamentali che un piccola-media impresa può utilizzare per intraprendere un percorso di crescita e rafforzare la sua strategia di differenziazione. Una piccola impresa innovativa talvolta si mostra essere più agile e più rapida nell’adattamento ai cambiamenti dello scenario competitivo, rispetto a quanto lo possa essere un’impresa di grandi dimensioni.

Il ruolo dell’imprenditore nel processo innovativo

Joseph Schumpeter ritiene che colui che ha un ruolo cruciale nel percorso di #innovazione sia proprio l’imprenditore, è, infatti, necessario che abbia un’attitudine spiccata verso il cambiamento, volontà di accelerare la crescita aziendale e ambizione nel superare i suoi concorrenti nella motivazione dello sviluppo dell’impresa. Uno dei principali fattori che contribuiscono all’#innovazione è un ambiente lavorativo che incoraggia un continuo flusso di nuove idee. Ed è l’imprenditore che con i suoi comportamenti e atteggiamenti, influenza gli altri membri dell’organizzazione, incoraggiando o rallentando il #brainstorming – la raccolta di idee.

Per la maggior parte delle piccole imprese, l’#innovazione è un processo graduale, basato sull’ascolto e la risoluzione di problemi dei clienti, di adattamento costante e tempestivo alle mutevoli esigenze della domanda. È bene sottolineare, però, che l’#innovazione è, sì, un fattore di sviluppo importante, ma è anche un sentiero difficoltoso se non si è affiancati da specialisti che possono aiutarci.

Come l’#innovazione può aiutare durante una #crisi?

Abbiamo visto come la pandemia da #covid-19 ha stravolto ogni aspetto della nostra vita, da quello personale a quello professionale, obbligandoci a reinventarci in questi due aspetti.

John F. Kennedy ha osservato come la parola “#crisi” in cinese sia composta da due caratteri: dove uno rappresenta il pericolo e l’altro l’opportunità. Per quanto magari in termini linguistici non è completamente corretto, sicuramente dal lato più emotivo è abbastanza vero: il pericolo della #crisi va infatti affrontato osservandolo dal lato delle opportunità che la stessa può offrirci.

Non abbiamo certezze su quando questa #crisi che la pandemia ha portato inizierà a darci tregua o come impatterà sul nostro stile di vita, però ricordiamoci che affidandoci ai giusti professionisti possiamo coglierla come un’opportunità per innovare, imparare e crescere; e una volta finita saremo sicuri di aver dato il nostro meglio e di averne colto qualcosa di buono per noi e per la nostra organizzazione.

Paolo Protto
Paolo Protto

Da oltre 10 anni lavoro a stretto contatto con le aziende, approfondendo e specializzandomi in turnaround aziendale, redazione di piani industriali e controllo di gestione.

Post precedenteIL CONFRONTO TRA MANAGER E AZIONISTI
Post succesivoIL VALORE DELLE COMPETENZE